Passeggiando per Carrara

Itinerario attraverso la capitale del marmo

Carrara si trova nella parte nord-occidentale della Toscana e si affaccia sulla costa del Mar Ligure.
La sua notorietà è legata al marmo e il nome stesso di Carrara è sinonimo di questo materiale prezioso, utilizzato in tutto il mondo per costruzioni e a scopo decorativo già a partire dall’epoca romana.

Il marmo che si estrae dalle cave di Carrara è tanto pregiato da guadagnarsi l'appellativo di 'oro bianco' e tanto famoso da richiamare artisti e grandi personaggi di ogni epoca e di ogni luogo.
L'itinerario suggerito tra le bellezze della capitale del marmo inizia da Piazza Matteotti, incuneata tra palazzi ottocenteschi tra i quali spicca il Politeama.

Proseguendo in direzione nord-est lungo la pedonale via Roma si arriva al nucleo più antico della città e all’incrocio con via Verdi si evidenzia l'edificio che ospita l'Accademia di Belle Arti.
Di fronte all'Accademia è posto il monumento intitolato allo scultore carrarese Pietro Tacca e realizzato da Carlo Fontana.

Alla fine di Via Roma si apre Piazza Gramsci, già Piazza d’Armi e Giardino del Principe; abbellita da alcuni monumenti e da una fontana dall'Ottocento è utilizzata come giardino pubblico.
Nei pressi del giardino sorge la sconsacrata Chiesa del Suffragio, sede di mostre ed esposizioni temporanee.

Sulla destra di Piazza Gramsci, parallela a via Plebiscito, corre via Santa Maria che inizia da Piazza dell'Accademia sulla quale prospetta la Chiesa del Carmine; l'edificio sacro risale al XVI secolo e rappresenta un considerevole esempio del gusto barocco orientato sul modello ligure.

Via Santa Maria è tra le più antiche e tipiche vie della città medievale; tra i palazzi della strada ne emerge uno, sulla cui facciata sono evidenti diversi bassorilievi marmorei, che si ritiene fosse sede del primo Comune e in cui, come vuole la tradizione, dimorò il Petrarca nel 1343.

La strada conduce alla Piazza del Duomo, che si apre sulla sinistra; l'Insigne Collegiata Abbazia Mitrata di Sant'Andrea Apostolo risale al XII secolo ed è quasi completamente rivestita da una candida copertura di marmo.

Davanti alla facciata del Duomo inizia via Ghibellina che sbocca nella storica Piazza Alberica dalla quale si raggiungono il neoclassico Teatro degli Animosi e i palazzi sei-settecenteschi di Via Giorgi.

Da non perdere la Via Carriona, l'antica strada sulla quale i buoi tiravano i carri carichi di marmo che dalle cave venivano portati ai laboratori.
Lungo la strada sono visibili la fontana della Sirena, la Chiesa di Santa Maria delle Lacrime edificata intorno al 1700, l'ex ospedale dei Santi Giacomo e Cristoforo e il seicentesco Santuario della Madonna delle Grazie.

Di seguito altre 3 escursioni:

Massa

Castello Malaspina Massa

Massa Adagiata nella vasta pianura tra le Alpi Apuane e il mare, con l'abitato medievale che risale all’XI secolo quando, su un colle...

Pontremoli

Pontremoli

Pontremoli sorge ai piedi dell’Appennino, al centro di un’ampia conca che si estende a nord fino al passo della Cisa e il territorio delle valli del Magra, del Verde e del Gordana...

Le Apuane

Parco Alpi Apuane

Il Parco delle Alpi Apuane: Un'immensa area dove la presenza dell’uomo è da sempre stata significativa fin dall’epoca preistorica, per farsi poi più radicata nell’Età del Ferro...